banner
Centro notizie
Assistenza post-vendita di prima qualità

Nient'altro suona come un ottone vintage: questi musicisti della CSO sono avidi collezionisti d'età

Jul 09, 2023

Pochi contestano il fatto che un violino secolare sarà più ambito dei suoi omologhi più recenti, supponendo che fosse ben fatto fin dall'inizio. È così che liutai come Stradivari e Guarneri sono diventati nomi familiari, indipendentemente dal fatto che tu conosca o meno la differenza tra Prokofiev e Smirnoff.

Ma i vecchi strumenti in ottone con pedigree paragonabili non godono di tali agiografie, al di fuori di un gruppo di nicchia di appassionati di ottoni. I loro bisogni riparativi possono essere esoterici, la loro intonazione discontinua, il necessario supporto respiratorio impegnativo. Ciò presuppone che tali strumenti siano stati mantenuti abbastanza nel corso degli anni da rimanere utilizzabili e non siano ammaccati o ossidati.

Ciononostante, pochi selezionati suonatori di ottoni giurano su strumenti secolari, soprattutto di fabbricazione tedesca. E gli accoliti più vivaci di quegli strumenti da questa parte dell'Atlantico sono proprio qui, nella sezione degli ottoni della Chicago Symphony.

Il trombone principale Jay Friedman, che colleziona strumenti vintage sin da quando era studente, vanta una collezione che ha entusiasmato anche il direttore Christian Thielemann, quando ha diretto qui lo scorso ottobre. ("Era come un bambino in un negozio di caramelle", ricorda Friedman.) La tromba principale Esteban Batallán è una delle prime collezioniste, ma ha già accumulato circa 10 strumenti di questo tipo da quando è entrato a far parte della CSO nel 2019. La seconda tromba John Hagstrom li mette entrambi in vergogna: dice al Tribune che il suo totale è stato "classificato", ma ammette di possedere più di 100 trombe che considera "eseguibili", oltre a centinaia di altre che ha accumulato come curiosità storiche.

"È come essere un amante dei gatti: c'è un punto in cui diventa un po' strano", scherza Hagstrom. “Ma come un gatto, ogni strumento ha una personalità diversa.”

Strumenti un tempo suonati da ottoni di alto livello, nella CSO e altrove, sono entrati nelle collezioni di Hagstrom, Friedman e Batallán. Alcuni sono stati addirittura donati con gioia, sapendo che sarebbero stati in buone mani: le migliori, in effetti. L’onore di suonarli, dice Hagstrom, è come “riportare in vita una voce, su uno strumento che veniva suonato 50 o 100 anni fa”.

Il trombonista principale della Chicago Symphony Orchestra Jay Friedman mostra uno dei suoi tromboni antichi della sua collezione. (Troy Stolt/per il Chicago Tribune)

Ma altre acquisizioni più oscure richiedono più lavoro investigativo. Andranno ad annusare in giro quando sono in tournée all'estero, o setacciano il web alla ricerca di successi in patria. (L'Ebay tedesco è stato un vincitore per Friedman e Batallán.)

Friedman si è concentrato principalmente sui suoi decenni di ricerca di un trombone tedesco vintage, fino a circa 20 anni fa, quando andò in un disordinato negozio di seconda mano proprio dietro l'angolo della sua allora casa a Oak Park. Sperava di acquistare uno strumento usato da far provare a suo nipote, ma invece ha notato un trombone sul muro così sporco "era assolutamente nero".

Quando il negoziante lo tirò giù per poterlo vedere più da vicino, Friedman, stupito, riconobbe in esso un raro trombone tenore di fabbricazione tedesca, realizzato intorno alla fine del secolo. Poteva distinguere un'incisione vicino alla campana che dichiarava il corno come proprietà di un certo “O. Isserstedt” - forse un parente, ha poi appreso, dello stimato direttore d'orchestra Hans Schmidt-Isserstedt.

"È rimasta nel garage di qualcuno per 50 anni", dice Friedman. “Se fosse in ottima forma, lo giocherei tutto il tempo. Ho dovuto farlo lavorare in Germania perché aveva dei buchi e lo scivolo non funziona. Ma è ancora il corno più potente che ho: ha il suono migliore."

Quel suono varia notevolmente da strumento a strumento e può variare ancora di più a seconda del bocchino e, ovviamente, del musicista. In generale, gli strumenti della fine del XIX e dell'inizio del XX secolo suonano più rotondi e fioriti rispetto alle loro controparti moderne più dirette e dense. Gli strumenti sono realizzati a mano; il loro metallo è più sottile e flessibile, realizzato con leghe che utilizzano più piombo di quanto i produttori moderni oserebbero azzardare. E, proprio come un vecchio violino, il suono cambia con l'età, le vibrazioni gradualmente temperano ulteriormente il metallo nel corso degli anni di utilizzo.